Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
 Hedda Cacchioni studio e.c. online

Post con #articoli attinenti al percorso maieutica tag

I Cahier dei Progetti studio E.C. online

2 Novembre 2017 Con tag #Novità?, #Percorso discipline sport: running - nordic walking - bicicletta, #Articolo attinente al Percorso Digiuno Terapeutico, #Percorso: Evoluzione libro come racconto di sè espressione di desiderio realizzato, #Articoli attinenti Percorso Catasterizzazione atavica, #Articoli attinenti al Percorso Maieutica, #Diritto, #Filosofia, #Oriana Fallaci. Lettura brani dei suoi libri, #Psicologia

 

 

 

 

I Cahier dei Progetti studio E.C. online
a cura studio E.C. online
http://www.eddacacchioni.it



 

L'imput dei quaderni mi è stato dato dal desiderio di esserci per tutti. L'idea è scaturita dalle conferenze svoltosi in diversi luoghi compreso il web.
Nulla di nuovo nessuna invenzione e creazione, solamente Cahier dei Progetti studio E.C. online in cui troverete, semplici trattati, con discussioni ad ampio spettro sui Progetti studio e.c. online presentati nel sito, sviluppati in web e presso centri estivi in comunità e privati.

 

 

 

 

 

 

Per maggiori dettagli sul come ordinarli cliccare sull'articolo soprariportato.

Per la scelta dei Progetti studio e.c. online cliccare sull'articolo sottoriportato

Mostra altro

Cuore

1 Novembre 2017 Con tag #Articoli attinenti Percorso Catasterizzazione atavica, #Articoli attinenti al Percorso Maieutica, #Percorso discipline sport: running - nordic walking - bicicletta

 

 

 

Questo articolo, come gli altri, sono scritti in base alla mia conoscenza, e se può servire discuterne. Per le informazioni uso libri di testo universitari che ho in casa oppure presso delle ottime biblioteche. Non essendo un Cardiologo trovo necessario rassicurare sulla veridicità di quanto scritto. Alcuni passaggi sono riportati come da originale, generalmente sono evidenziati in corsivo.
Alcuni articoli li ho usati qualche mese addietro per la Conferenza Campo Quantico e la Catasterizzazione Atavica svoltasi a Milano, in margine trovate il riferimento.
Scutatemi la digressione ma è opportuna!

Gioiosa Serena Lettura.
Hedda Cacchioni

 

 

 

Cuore
a cura studio E.C. online
http://www.eddacacchioni.it

 


Il cuore è un organo muscolare e si trova nella cavità toracica tra i polmoni, posato sopra il diaframma, le coste e lo sterno lo proteggono. Il peso del cuore di un adulto è di circa 250 gr ed è grande come il pugno di una mano. Con una forma di cono è spostato lievemente a sinistra.
Nella faccia anteriore si trovano i grossi vasi le arterie che dal cuore portano il sangue agli organi e le vene che dalle perfieria trasportano il sangue al cuore.




 


 

 

Dal profilo posteriore a livello atri è occupato dalle grosse vene che portano il sangue al cuore, nei ventricoli si trovano le vene e le arterie del cuore.




 

 


 

Pericardio
Il pericardio è l'involucro del cuore ed è formato da 3 strati

1) pericardio viscerale aderente al miocardio
2) pericardio parietale
3) pericardio fibroso attaccato allo sterno, i grossi vasi al diaframma.
Il pericardio parietale e fibroso sono separati dal liquido del pericardio secreto dagli stessi.
Il liquido evita che il cuore sfreghi tra le superfici durante i suoi movimenti.


 

 

 


Arterie
Le arterie di destra e di sinistra hanno il compito di rifornire il cuore di ossigeno e di nutrimento.
Si chiamano coronarie perché poste a corona del cuore.

Le coronarie sono rami dell'aorta, hanno origine al di sopra delle sue valvole semilunari.
Il ventricolo sinistro svolge la gran parte del lavoro cardiaco.
Il cuore è ricco di reti capillari.



 

 

Struttura
Il cuore è formato dal tessuto muscolare striato di tipo involontario, le cellule hanno molti mitocondri per soddisfare l'alta richiesta di AT.
Composto da 4 sacchi muscolari due per lato destro e sinistro, sono uniti da fibre di collegamento. La fibra assicurano una notevole forza di spinta.

 





Sezioni cuore
Il setto atrioventricolare divide il cuore in due sezioni ed è posto longitudinalmente impedisce al sangue ricco di anidride carbonica che attraversa il lato destro di confondersi con quello del cuore sinistro ricco di ossigeno.
Le due sezioni a loro volta sono divise in atrio sopra e ventricolo sotto comunicanti attraverso le valvole.
La parte sinistra ha maggiore spessore tessutale in quanto il sangue che pompa deve attraversare i vasi dell'intero organismo, ma non quelli dei polmoni.
Il sangue è pompato per mezzo di contrazione e rilasciamento.
Il cuore funge da pompa di volume e di pressione.
Il cuore pompa 70 ml ad ogni sistole e si chiama ''gettata sistole'' che moltiplicata per la frequenza cardiaca dà la ''gettata cardiaca'' è di 5l  al minuto.

In otto decimi di secondo fa tutto il suo lavoro.
. fenomeni di contrazione: sistole
. fenomeni di rilasciamento: diastole

La contrazione determina l'aumento della pressione sanguigna.
I toni cardiaci si possono rivelare con lo statoscopio.
Il soffio cardiaco: rumore anomalo causato dall'incompleta chiusura delle valvole oppure da un loro restringimento (stenosi)



Dotazioni
- eccitabilità reazione agli stimoli
- contrattilità si contre e produce lavoro
- conducidibilità riceve e trasmette stimoli
- automatismo produce stimoli ritmici che determinano la contrazione

Il sistema di conduzione è formato dalle seguenti strutture: nodo senoatriale, nodo atriventricolare, fascio atrioventricolare.
questo è formato da muscolature modificata per genere e condurre gli stimoli.



 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Circolazione Sanguigna [...segue...]
 

[da conferenza, in seguito i collegamenti interni e la Conferenza completa:
Catasterizzazione Atavica e il Campo Quantico]  
[grazie per la comprensione]

Beati i puri di cuore, perché vedranno Dio.

Vangelo di Matteo

Mostra altro

Genitori e figli. Dubbi e perplessità

24 Ottobre 2017 , Scritto da Pasquale Saviano Con tag #Psicologia, #Articoli attinenti al Percorso Maieutica

 

Genitori e figli. Dubbi e perplessità
Dott. Pasquale Saviano

Psicologo – Psicoterapeuta

 

Franz Kafka interpreta la famiglia come un organismo unico, un corpo, un tutto, che per sua intrinseca natura cerca di raggiungere una condizione di assenza di dolore che viene chiamata armonia. Ora, tutti conosciamo, chi più chi meno, la visione pessimistica di Kafka rispetto alla vita e quanto egli abbia potuto esperire sulla sua pelle le ferite inferte da una dura educazione patriarcale. È proprio in quest’ottica di armonia che in passato si sono perpetrate le maggiori ingiustizie. Soprattutto nelle vecchie famiglie patriarcali nelle quali sarebbe stato molto difficile trovare forme educative ispirate ai principi di un “sereno altruistico ed amoroso potenziamento delle inclinazioni di un essere umano in formazione, o almeno la serena accettazione di uno sviluppo autonomo” come affermava Jonathan Swift.

 

Oggi grazie all’evoluzione della famiglia, molti atteggiamenti di vecchio stampo sono stati superati, abbracciando l’idea di essa come un microsistema in cui il buon funzionamento è dato dal sostegno e dal benessere di tutti membri. Tuttavia esistono ancora molte difficoltà delle famiglie soprattutto nella crescita dei figli, nel rapporto genitori/figli e nel rapporto tra fratelli.

Tra questi possiamo sicuramente trovare l’idea di dover essere necessariamente genitori perfetti e di conseguenza avere figli perfetti, dimenticando che la perfezione essendo utopia forse non dovrebbe essere abbracciata come obiettivo.

Accettare invece il limite significa riconoscere che l’evoluzione è strettamente legata alla crescita e per tale motivo prevede l’attesa che le situazioni ed i comportamenti si fortifichino con l’esperienza: l’evoluzione infatti, non essendo un processo stabile, è caratterizzato da incompletezza e difficoltà.

 

Lo sviluppo dell’identità passa attraverso fasi e processi teorizzati da tanti psicologi del passato (Freud, Piaget, Erikson); insomma qualcosa che è in fieri e pertanto non definibile se non in quel preciso momento. L’identità si sviluppa quotidianamente attraverso percorsi emotivi ed affettivi che devono trovare un riscontro in una comunicazione con l’adulto fatta di confronti ed ascolto attivo soprattutto da parte dei genitori. Solo grazie a ciò il ragazzo o la ragazza svilupperanno la fiducia in se stessi, l’autonomia, il distacco dall’egocentrismo infantile, eliminando la dipendenza dagli oggetti primari e dal narcisismo, imparando che hanno gli strumenti per costruire se stessi; imparando inoltre che laddove non ci riuscissero possono affidarsi ai genitori come supporto, ma mai come sostituzione. Ciò permetterà al bambino e poi all’adolescente di far fronte alle frustrazioni che la realtà necessariamente comporta.

 

Il vero amore dovrebbe essere basato in famiglia, come nella vita sul rispetto della persona e sulle responsabilità che esso comporta, quindi assente da un eccessivo rigore, o, di contro da un lassismo in cui si corre il rischio di scadere; dovrebbe essere affiancato da comportamenti autorevoli ma slegato da quelli autoritari che possono creare forti contrasti con bambini ed adolescenti.

Viene spontaneo quindi chiedersi dove sia la libertà per i bambini, un tema sul quale i genitori spesso si trovano a riflettere. Per molti viene vista come sconfitta personale quella di dover imporre delle limitazioni ai propri figli. Un limite alla libertà però esiste, un limite che si raggiunge inevitabilmente: ai genitori dunque, in un’ottica educativa non resta altro che imporre delle limitazioni per favorire la crescita. Andare oltre i limiti potrebbe portare non a raggiungimento di maggiore libertà, ma di grande schiavitù. La libertà illimitata difficilmente può rappresentare il modello educativo ideale, anzi, a ben pensare essa rappresenta più una fuga dall’educazione. Non è difficile infatti lasciar fare ai figli ciò che vogliono, ma è piuttosto disfunzionale ed a lungo andare diventa pericoloso. Il rischio più grosso è di cadere nell’apatia o di cercare di reagire con improvvisi scoppi di rabbia, possibilità, entrambe, inappropriate per chiunque voglia definirsi un educatore.

 

Il punto di partenza dovrebbe essere un altro più che la pura libertà. Il mondo dei genitori e dei figli è diverso: ciò che è importantissimo per i bambini non ha necessariamente un ruolo parimenti importante per i genitori e viceversa. Tenere in considerazione ciò è la condizione imprescindibile per una buona educazione. Da qui la consapevolezza che non esiste l’educatore ideale: nella vita di ogni genitore ci sono momenti in cui si ha l’impressione di rispondere in modo perfetto alle esigenze educative dei figli e momenti in cui ci si sente affranti per aver commesso errori che non hanno portato quasi nulla di buono.

L’obiettivo di ogni genitore dovrebbe essere non quello del raggiungimento della perfezione educativa e pedagogica, ma quello di rispettare i figli per quello che sono e quello che rappresentano nella consapevolezza della fallibilità che caratterizza tutti gli individui affrontando gli errori con la giusta dose di autocritica.

 

In questo non c’entra solo l’affetto ma il modo in cui ognuno affronta il lavoro più difficile al mondo e le decisioni che ne conseguono tra apprensioni e distrazioni. Ma soprattutto bisogna considerare che tipo di mamme e papà si è e si vuole essere. Forse chi “meglio” riesce è proprio quel genitore consapevole delle fallibilità di tale ruolo caratterizzato dall’insufficienza, dalla vulnerabilità, dalla fragilità, dal senso dei propri limiti che non sono e non devono diventare ingredienti nocivi all’esercizio della genitorialità.

Le domande oggi sono tante ed hanno eletto il tema genitorialità a tema onnipresente; questo perché esso rappresenta oggi, per molti, ma non per tutti un tema angosciante foriero di dubbi, innanzitutto sulle capacità di essere genitori. I genitori, insomma, oggi, si sentono fragili, continuamente in bilico tra una forte autorità che li spinge a gridare ed un’innata quanto forte tendenza a soccorrere.

 

Non a caso in Italia il numero di coppie senza figli aumenta e si gioca tra coppie che non ne vogliono, senza se e senza ma e quelle che li avrebbero anche voluti ma poi il tempo è passato. Forse perché oggi si è diffusa l’idea che fare il genitore sia difficile e con un elevato tasso di insuccesso; la convinzione che il fallimento sia dietro l’angolo porta molte coppie a desistere.

Ogni genitore fa quello che sa con quello che ha. Mamme e papà sono prima di tutto uomini e donne che possono sbagliare. Tutto sta nel riconoscere i propri errori e nell’avere l’intenzione di porvi rimedio, questa è la vera maturità. Bisogna rendersi conto, come detto che genitori e figli sono diversi, con passioni e difetti da scoprire. Non esistono corsi, libri, manuali o consigli che tengano e permettano di non sbagliare. Diventare genitori significa mettere in gioco tutto il bagaglio di esperienze che ognuno ha dentro, associandolo al grande amore che si prova per i figli e crescendo insieme giorno dopo giorno.

 

 

Per approfondimenti:

Franz Kafka, Lettera al padre, Garzanti

Jonathan Swift, Una modesta proposta, Cantagalli

 

© Dott. Pasquale Saviano
Psicologo – Psicoterapeuta

 

Dott. Pasquale Saviano

Psicologo - Psicoterapeuta

Specialista in Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicanalitica

Corso Europa, 12

Frattamaggiore (NA)

Tel. 3204692910

savianopasquale@hotmail.com

www.facebook.com/PsicologoFrattamaggiore

Osa sempre oltre il tuo limite

Pasquale Saviano

Mostra altro

Atomo

20 Ottobre 2017 , Scritto da Con tag #Dualità del vivere. La vita secondo i ''quanti'', #Articoli attinenti Percorso Catasterizzazione atavica, #Percorso discipline sport: running - nordic walking - bicicletta, #Articoli attinenti al Percorso Maieutica, #Filosofia

 

 

 

 

 

 

 

Cenni sull'Atomo
a cura studio E.C. online
http://www.eddacacchioni.it


 

La materia di cui siamo fatti così pure tutto ciò che ci circonda è costituita da atomi e molecole. La loro energia può essere ceduta e acquistata seguendo le leggi della fisica e della chimica.

Atomo dal greco atomos assume il significato di indivisibile.
L'atomo costituisce ogni forma di materia esistente e attraverso combinazioni chimiche e fisiche forma le molecole. La struttura si presenta in modo semplice seppur complessa, gli atomi sono formati da
costituenti subatomici ossia i
protoni con carica positiva, i neutroni con carica neutra, gli elettroni con carica negativa.

 

 


La scoperta dell'atomo
Nell'antica Grecia intorno al 600 a.C. le persone sapevano che lo strofinio della lana sull'ambra causava il fenomeno di attrazione su pezzi leggeri tipo la piuma e semi. Una magia di luce! Tant'è che ambra in greco si dice elektron.

 


Dopo i primi filosofi a  cui va riferita l'attenzione  riposta sull'inizio dell'Universo, inseriti in varie scuole di pensiero, due filosofi Leucippo con Democrito intorno al 500 a.C. si chiesero se la materia, composta da particelle fosse divisibile ergo studiarono per quante volte poteva essere possibile dividere in piccole sezioni la particella.
Nacque l'atomismo da 'atomos' che vuol dire indivisibile.

Questa teoria fu per molto tempo inserita nel dimenticatoio, la causa di tale sventura teorica era d'attribuire all' influenza aristotelica di quel tempo, tuttavia se qualcuno provava a citare la teoria dell'atomismo, questi, era fortemente osteggiato dalla Chiesa prevaricatrice, corrotta, onnipresente.

 

 

 

 

Siamo tutti portati a dirigere la nostra ricerca non
in relazione all'argomento in se', ma piuttosto in
relazione alle opinioni dei nostri antagonisti; e
anche quando interroghiamo noi stessi portiamo
l'indagine solo fino al punto in cui non intravediamo
piu' obiezioni.

                   ARISTOTELE


 

 

 


Tant'è che col tempo si scelse di suddividere la mansione di filosofo e la mansione di Alchimista molto correlate tra loro ma così' discusse da dover preferire una scissione fondamentale.
L'atomismo di Leucippo e Democrito venne ripreso solamente nel 1800 con diverse esperimenti da Joho Dalton insieme ai colleghi Lavoisier e Proust. Confermando la teoria dei due filosofi dell'antica Grecia li ringraziarono dando il nome di Atomo alla particella che formava la materia.


 



J.J. Thomson fisico del 1897 scoprì che l'atomo aveva una carica negativa e corpuscoli sparsi, queste particelle con carica negativa le chiamò: elettroni.
Thomson dedusse che potevano esserci anche delle particelle con carica positiva.
Creò il primo modello atomico.
Per avere un idea del modello basti pensare al panettone con l'uvetta nel periodo natalizio.


 

Zanichelli
sito Zanichelli. Modello Atomico Planetario


Fu la volta poi del ''modello atomico planetario'' rappresentato da un atomo con nucleo di protoni positivi ed elettroni negativi che gli girano attorno formando un orbita per opera di Ernest Rutherford nel 1911 eliminando alcune lacune del meodello di Thomson nella quale non gli veniva riconosciuto il vuoto.
Nell'esecuzione dell'esperienza Rutherford bombardò di particelle alfa una lastra d'oro sottile constatando che la maggior parte delle particelle oltrepassa la lamina, altre deviavano la traiettoria, alcune rimbalzavano indietro violentemente.
Il modello fu presto abbandonato tuttavia la struttura ne resta invariata tutt'oggi.



 

 


Niels Bohr fisico danese nel 1912 riprese la teoria di Plank in cui spiegava che l'energia emessa dalla sostanza era emessa ''a pacchetti'' discreti che chiamò ''quanti di energia'' dando il via alla fisica quantistica.
Bohr ipotizzò una nuova teoria sulla base di quella di Plank e ne dedusse:
a) l'elettrone staziona su orbite ad una certa distanza dal nucleo
b) l'elettrone si sposta dalla sua orbita solo se riceve o perde un ''quanto'' di energia

 


Gli spettri a righe degli atomi quindi furono spiegati con la teoria del fisico Bohr, inoltre si aggiunge che l'elettrone assorbe un quanto di energia, salta ad un orbita superiore e lo stesso quanto viene rilasciato sotto forma di ''fotone'' (terminologia introdotta da Einstein)
L'esperienze di Einstein sull'effetto fotoelettrico furono di supporto agli studi del fisico Luois De Broglie nel 1924 intento all'analisi del dualismo onda/particella della luce.
Egli teorizzò che anche gli elettroni potessero comportarsi allo stesso modo: cioè essere a volte come onde elettromagnetiche e a volte come delle particelle.

L'elettrone considerato come particella è una teoria del fisico tedesco Werner Heisenberg. Egli costruì un modello matematico basato su delle matrici questi calcoli corrispondevano a quelli di un altro fisico austriaco Erwin Schrodinger.


Schrodinger nel 1926 non fece altro che raccogliere le idee di De Broglie e porsi delle domande e pensò che se l'elettrone poteva comportarsi come un onda tanto provare con l'equazioni delle onde elettromagnetiche per raccontare i movimenti dell'elettrone nell'orbitale intorno al nucleo.

L'equazione di Schrodinger sempre nel 1926 fu perfezionata da max Born combinandola con quanto già stabilito da Heisemberg. Ad ogni equazione si poteva stabilire in quale punto dell'orbitale si trovava l'elettrone.
L'orbitale è la traiettoria dell'atomo, hanno forme e posizioni diverse ma sono sempre intorno al nucleo dell'atomo.

Rutherford, Bohr, Sommerfel, Schrodinger e Heisenberg si combinano in un unico modello atomico.


 


Il Principio di Indeterminazione di Heisemberg marca il 1927 con una novità importante e cioè che se si visualizza il punto e la velocità dell'elettrone nell'orbitale si commette uno sbaglio maggiore del risultato trovato, in quanto è impossibile conoscere le due proprietà velocità e luogo dell'elettrone.

Nel 1932 il fisico inglese James Chadwick trovò la massa mancante del nucleo, la particella sub-atomica chiamata Neutrone.


 



Con il Neutrone si fanno spazio sempre nello stesso periodo la differenza tra le masse degli stessi elementi scoprendo gli Isotopi.


 

 

Va a Mendeleev nel 1869 la creazione della tavola periodica degli elementi in cui colloca gli elementi chimici in base al loro numero atomico e al numero di elettroni presenti negli orbitali atomici s,p,d,f.

 

 

 



 

 

 

Composizione dell'Atomo
L'Atomo è la piccola parte della materia ed è così formato:
- elettroni che roteano intorno al nucleo con carica negativa
- nucleo in cui si trovano: protoni a carica positiva e i neutroni a carica neutra

 

La particella di atomo si misura in Angstrom A (1A=10-10m)

La massa dell'atomo è concentrata nel nucleo.

Il numero atomico è dato dal numero dei protoni
Il numero di massa è dato dai neutroni



Gli elettroni hanno lo stesso numero dei protoni.
 
 

Gli elementi semplici sono costituiti da atomi della stessa specie.
Gli elementi composti sono formati da atomi di specie diverse con appropriati rapporti numerici.

 

 


Le molecole si formano tra atomi legati tra loro attraverso trasformazioni chimiche e fisiche.

 

 

 

 

 

       ....            

[da conferenza, in seguito i collegamenti interni e la Conferenza completa:
Catasterizzazione Atavica e il Campo Quantico]  
[grazie per la comprensione]

L'uomo non unisca cio' che Dio ha separato.

WOLFGANG PAULI

Mostra altro

Essere Umano

30 Settembre 2017 Con tag #Articoli attinenti Percorso Catasterizzazione atavica, #Dualità del vivere. La vita secondo i ''quanti'', #Articoli attinenti al Percorso Maieutica, #Percorso discipline sport: running - nordic walking - bicicletta, #Psicologia

 

 

 

 

L' Essere Umano
a cura studio E. C. online
http://www.eddacacchioni.it

 

 


Ogni persona uomo donna bambino ha una storia da racconare, situazioni complesse che s'intrecciano tra legami parentali, amicali, lavorativi, amorosi e atavici.

In ogni relazione l'essere umano dona e toglie con tutto se stesso stando immerso nella sua dualità di 99,9999% di energia e 00,0001 di materia.  Tuttavia seppur verificato scientificamente, l'essere umano ancora oggigiorno è tenuto in considerazione per ciò che è visibile, cioè il corpo.
Seppur in alcuni ambienti new age e religiosi hanno in considerazione l'anima,  offrendo una trinità all'essere umano per l'appunto psiche, anima, corpo.

Con l'affermazione della Meccanica quantistica e la Psicologia Quantistica  gli studiosi oggigiorno riconoscono la ''coscienza'' intesa come 'energia'.
A occhio nudo noi vediamo  la materia questo strambo eppur affascinante aggregato di cellule qual'è l'essere umano.

 

 

 

 

 

.....

[da conferenza, in seguito i collegamenti interni e la Conferenza completa:
Catasterizzazione Atavica e il Campo Quantico]  
[grazie per la comprensione]

Mostra altro

Digiuno Terapeutico e il G I A connubio filosofico come stile di vita

28 Settembre 2017 Con tag #Filosofia, #Dualità del vivere. La vita secondo i ''quanti'', #Articolo attinente al Percorso Digiuno Terapeutico, #Articoli attinenti al Percorso Maieutica

 

 

 

digiuno terapeutico e il G I A

 

 

 

 

 

Digiuno Terapeutico e il G I A 
connubio  filosofico come stile di vita

a cura studio E.C. online

http://www.eddacacchioni.it

 

Lo stress causato da uno stile di vita non adeguato alla propria personalità può portare conseguenti sgradevoli alla salute psicofisica, cosicchè talvolta è doveroso guardare dentro di Sè.
Una valutazione attenta  di ginnastica, igiene, alimentazione accettata come un filosofico stile di vita è da tenere in considerazione per non cadere nella depressione ne altre malattie psicosomatiche scientificamente accertate come tali.


I cambiamenti delle abitudini sovente sono la causa numero uno ad uno squilibrio interiore insieme all'alimentazione esageratamente proteica o il suo contrario, l'assenza di esercizio fisico, una non  adeguata igiene e uno scompenso del ciclo circadiano   portano un rallentamento all'adeguarsi della nuova esperienza di vita.
Orari diversi sul lavoro, la nascita di un figlio, la convivenza sotto lo stesso tetto di nuove relazioni che siano amorose, amicali di convenienza. La scelta di un animale domestico, una piantina da far crescere, un oggetto caro da collocare nel prioprio ambiente.
Talvolta una strada interrotta sul percorso per arrivare a destinazione, ma anche il bar chiuso definitivamente e il centro commerciale dislocato.
Questi e tutti gli altri cambiamenti nella vita delle persone concausano relativi disagi interiori per alcuni per altri motivazioni di adattabilità territoriale.


Cosicchè è suggerito un filosofico stile di vita come il G I A semplice, consapevole, intuitivo in quanto conosciuto sulla base di situazioni ataviche cioè come da sempre un buon genitore alla nascita del figlio/a adatta se stesso al nuovo arrivato/a attraverso quegli accorgimenti essenziali di vita quali Ginnastica, Igiene, Alimentazione.


Il Digiuno Terapeutico è riconosciuto scientificamente essere un buon supporto per attivare quei meccanismi di difesa che gli antenati conoscevano molto bene.


La tensione genitoriale così come la maggior parte delle situazioni stressanti possono essere scaricate con lo sport una adeguata igiene e una appropriata alimentazione .
Il digiuno terapeutico settimanale può essere un momento di crescita per i genitori, per le amicizie, tra colleghi di lavoro e quanto altro. Questo filosofico stile di vita G I A e Digiuno Terapeutico ha come obiettivo il consolidamento di  un rapporto relazionale attraverso il senso comune di prendersi cura di sè in compagnia dell'altro per tendere ad  una vita in stato di benessere.


A tal proposito suggerisco di ascoltare e leggere gli articoli sottoproposti. Per maggiori informazioni contattate la Counselor studio E.C. online

 

 

Mostra altro

Bambini ... è l'ora di matematica!!!

16 Settembre 2017 Con tag #Articoli attinenti al Percorso Maieutica

Buon ascolto dallo studio E.C. online

Mostra altro

Neonati che nuotano

14 Settembre 2017 Con tag #Articoli attinenti al Percorso Maieutica

buon ascolto dallo studio E.C. online

Mostra altro

I neonati crescono

22 Giugno 2017 Con tag #Articoli attinenti al Percorso Maieutica

 

 

 

 

 

 

 

I neonati crescono
a cura dello studio E.C. online 

 

http://www.eddacacchioni.it

 

 

I fattori endogeni ed esogeni influenzano la crescita prenatale.


. I fattori endogeni possono essere sia genetici come le forme somatiche sia ormonali qualw il GH, gli ormoni tiroidei, gli ormoni sessuali che assumono un ruolo fondamentale nella fase puberale stimolando la crescita della persona.

. I fattori esogeni dipendono dall'ambiente dalla situazione economica famigliare.
L'ormone GH può addirittura avere una notevole diminuzione in quei casi di carenza affettiva.
Suggerisco avere maggior attenzione di tale fattore e portare a proprio vantaggio situazioni non desiderate, non farle proprie e non sprecare energia nel rifiutarle.


 

Lo sviluppo
Lo sviluppo non è costante, il primo anno di vita si ha un notevole cambiamento seppur rallentato fino intorno ai 4 anni, la crescita annua può essere 1,5-2,5 kg.
Nel periodo della pubertà la crescita del fanciullo può variare dai 5-12 kg.


 

 

 



Parametri di valutazione
. statura e velocità di crescita 
. peso
. circonferenza cranica
Per il riferimento si usano le tabelle dei percentili.

Mentre per le valutazioni neuropsiche si usano tabelle in cui vedono riportate i mesi e anni del bimbo/a e le sue possibili riuscite in diversi fattori comportamentali di linguaggio e capacità di adattamento.

 


 

Alimentazione
L'alimentazione ha un ruolo fondamentale per la crescita di un essere umano.Inizialmente viene nutrito con il latte che può essere materno o artificiale. L'approccio al nuovo cibo nel momento dello svezzamento  avviene solitamente intorno al 4/6o mese.
L'allattamento al seno è preferibile, tuttavia il latte artificiale è preparato per non far mancare i nutrienti appropriati al bèbè.
Lo svezzamento sussiste nella sostituzione della poppata di pranzo e qualche tempo dopo la cena con alimenti diversi.

Lo svezzamento non è complicato è sufficiente liberare la mente da condizionamenti ambientali e preparare la tavola a tutti!

 

 

Le vaccinazioni ok ...

 

 

 

 

Il pediatra saprà consigliare le tabelle alimentari di riferimento adeguate al proprio figlio/figlia.

Mostra altro

Il neonato

15 Giugno 2017 , Scritto da Con tag #Articoli attinenti al Percorso Maieutica

 

 

 

 

Il neonato
a cura dello Studio E. C. online
http://www.eddacacchioni.it

 

 

 


Pecularietà del neonato
Ogni individuo è un piccolo mondo a se, una magnificente creazione. L'amore nella cura lo renderà  una persona  equilibrata.

Dal punteggio Agpar il neonato è considerato sano se il risultato ha un intervallo tra 7/10. La sua forte vitalità iniziale diminuisce col trascorrere delle ore così pure la posizione ad ovoide, caratteristica posizione del feto, la perderà nei primi mesi di vita con la maturazione del sistema nervoso.
La proporzione del corpo si avrà con la crescita, appena nato l'essere umano si presenta con testa grande rispetto al corpo, il torace a botte e la pancia globosa. Gli occhi si aprono quando viene preso in braccio, i capelli possono esserci non esserci oppure essere diradati, la cute ricoperta da vernice caseosa. 
I fattori che condizionano l'adattamento alla vita extrauterina sono diversi tra questi:
- l'andamento della gravidanza
- il parto
- l'ambiente 
La crescita è funzionale/morfologica e richiede diverso tempo.

 

La respirazione
Intorno alle 35 settimane l'attività respiratoria è sufficiente. La sintesi di surfactante un complesso lipoproteico permette all'alveolo di rimanere espanso, attraverso l'abbassamento della tensione superficiale fra aria e liquido ematico sottostante, appena entra l'aria nei primi atti respiratori.

Come avviene il primo atto respiratorio
. l'interruzione degli scambi placentari provocano la concentrazione ematica di anidride carbonica e ossigeno e del pH attiva i centri respiratori bulbari con la risposta motoria di espansione del torace e il richiamo di aria nelle vie respiratorie che si distendono.
A 30 secondi dalla nascita si ha il primo respiro, dopo alcune ore si hanno 35 respiri al minuto. 
. La respirazione avviene per via nasale.


 

Cardiocircolazione
La funzione cardioplacentare diventa cardiopolmonare.
. espansione polmoni
. taglio cordone ombelicale
. aumento della portata circolatoria polmonare
. rilassamento delle fibre muscolari delle arteriole + vasodilatazione
. la grande e piccola circolazione si normalizzano e la circolazione diventa doppia e completa.

I battiti cardiaci col primo vagito arrivano a 180battiti al mn il giorno seguente è regolare sui 120-140 al minuto.

 


Metabolismo
Si ha un rallentamento del rapporto glucidico e del calcio mantenuti costanti nel periodo extrauterino. Tuttavia il ripristino è veloce.

 


Termoregolazione
La termoregolazione ha sempre buone risposte nei neonati, per ovviare all'ipotermia e all'ipertermia sono tenuti sotto osservazione.

 

 

Assistenza e Prevenzione
. cute inizialmente cianotica in poco tempo prende il colorito rosato
. meconio avviene nelle prime 12ore
. urina entro le prime 12ore
. esame neurologico subito alla nascita e ripetuto, controllo riflessi innati  per valutare la maturità del sistema nervoso.
. maturità fisica compresi i genitali esterni
. screening neonatale per valutare malattie ereditarie e congenite (test di Gutrie...) 

Cure al neonato
- moncone ombelicale: avvolto in un garza che va sostituita giornalmente, appena caduta va disinfettata la zona e coperta con garza sterile fissata all'addome con rete elastica
- igiene cute: Attendere la caduta del moncone ombelicale per un intero bagnetto. Si può lavare la zona al cambio del pannolino con acqua o lozioni emolienti.

#Per il bagnetto: vaschetta per bèbè disinfettata; temperatura dell'acqua sui 36-37 C°. Il bagnetto non deve superare i 5 minuti, opportuno la sera prima dell'ultima poppata per il suo effetto rilassante.
Tecnica: punto primo se avete paura di non essere pronte per il bagnetto a vostro figlio/a rimandate e non lasciarlo fare ad altri. Usate lozioni emollienti. Quando vi sentite pronte oky preparate tutto con attenzione scrupolosa. Un appoggio per spogliarlo asciugarlo e vestirlo, relativo cambio, non copritelo/a troppo, se piange si va ad esclusione del ''potrebbe essere'', se piange troppo chiamate il pediatra.
La voce è fondamentale non momento del bagno se vi sentite stupidi nel dialogare col bèbè raccontategli una storia oppure cantate. L'ideale è iniziare con:''mamma e papà ti fanno il bagnetto, togliamo la tutina e così via... laviamo il viso, le manine'' ecc ecc se conoscete altre lingue sarebbe buono insegnargliele da subito scandendo i momenti della giornata.

Si usino lozioni emollienti per il cuoio capelluto da massaggiare sulla cute ogni sera e la mattina togliere delicatamente il sebo con una spazzolina morbida.

#Per l'abbigliamento preferire il cotone anche per il lettino, il cuscino molto sottile. La sua camera deve essere mantenuta pulita con una temperatura di 20C° ed un umidità del 50/60% Tuttavia i primi mesi sarebbe opportuno tenerlo/a nella carrozzina o culletta vicino al lettone dei genitori, quando inizia a girarsi da solo scegliete un lettino per bèbè fino ai 3 anni. Non abbiate paura di viziarlo/a e non dite troppi 'no', fate di voi un modello paradigmatico, crescete in armonia coi valori appropriati ad una famiglia: Amore Lealtà Rispetto Dignità Libertà. Un figlio richiede molto tempo e attenzioni, il percorso è faticoso e la sua crescita dura dai sedici ai vent'anni. Durante questo tempo possono esserci dei cambiamenti, sappiateli affrontare, un supporto è suggerito nei casi non patologici lo studio E.C. online  .

 

 

 


Nell'articolo sono riportate situazioni di normalità ogni nota stonata va discussa con il pediatra che spiegherà quali sono i fenomeni fisiologici da non sottovalutare per una buona salute del neonato e per una serena gioiosità genitoriale.

 

 

 

Mostra altro

La nascita

9 Giugno 2017 Con tag #Articoli attinenti al Percorso Maieutica

 

 

 

 

 

La nascita
a cura studio E.C. online
www.eddacacchioni.it

 

Quando si è certi della gravidanza i futuri o il futuro genitore che sia mamma o papà o tutte e due insieme oltre a organizzare incontri con il ginecologo ostetrici ecografi e analisti iniziano la conta dei giorni.
In effetti come si fa' a calcolare la nascita di un bèbè?
Si tiene come punto di riferimento l'ultima mestruazione ergo in un ciclo di 28 giorni, considerando il primo del mese cada l'ultima mestruazione il concepimento è con molta probabilità avvenuto tre il 12 e il 18 del mese, attraverso la Regola di Noegle si conta un anno dalla data dell'ultima mestruazione si aggiungono 7 giorni e si sottraggono 3 mesi. Tutto chiaro?

Oggigiorno molte coppie nelle gravidanze consapevoli sanno l'ora e il giorno del concepimento probabilmente aggiungeranno i giorni che mancano per raggiungere le 41 settimane tempo necessario per la formazione completa di un essere umano del genitore.

Il periodo gestazionale termina a 41 settimane e 2 giorni dopodiché s'interviene chirurgicamente.

 

 

Parto
Con il parto si ha la nascita del bèbè e subito dopo l'espulsione degli annessi.
Solitamente intorno alle 38 settimane la mamma avverte le contrazioni dell'utero che servono a vascolarizzare l'organo. Mentre l'utero attraverso il tappo mucoso garantisce un integro giaciglio per finire la formazione del bèbè


Fasi del parto
a) periodo prodromico le contrazioni con l'avvicinarsi del parto diventano regolari e susseguenti in concomitanza di altre due situazioni:
1. perdite macchiate causate dalla fluidificazione del tappo mucoso, il collo dell'utero si prepara alla dilatazione per il passaggio del figlio/a
2. Qualche tempo dopo avviene la fuoriuscita del liquido amniotico alchè le membrane si sono rotte e al bimbo viene a mancare la protezione sterile.

b) periodo dilatante il canale del parto si prepara, l'utero si appiattisce e si dilata, la fuoriuscita del liquido amniotico avverte che la dilatazione è avvenuta.

c) periodo espulsivo contrazione uterine diaframatiche addominali operano tutte all'unisono per la nascita del bèbè che supportato proprio dalle contrazione ruota per posizionarsi; l'uscita della testa e poi un'altra rotazione per la fuoriuscita delle spalle, momento delicato per mamma e figlio.

d) periodo del secondamento il parto è concluso, le restanti contrazioni uterine servono per l'espulsione degli annessi fetali con una variante di tempo che va' dai dieci quarantacinque minuti.

 


Cura e prevenzione durante il parto a mamma e bambino
In sala parto il team è composto da ostetrico, anestesista, chirurgo, pediatra neonatologo e il personale sanitario non medico.

Cura alla mamma
Mentre il copro si prepara al parto la mamma è tenuta sotto controllo medico.
. controlli ematici
. colore del liquido amniotico
. auscultazione del battito cardiaco fetale
. monitoraggio, riprende l'intensità e la frequenza delle contrazioni uterine e il ritmo cardiaco fetale

Se sussistono delle problematiche il parto viene 'pilotato' con la somministrazione di ossitocina oppure si opta per il parto cesareo .
Mentre nel momento dell'espulsione l'ostetrica per evitare la lecerazione dei tessuti materni interviene con un episitiomia.

L'episiotomia è eseguita con una forbice a bordi smussati ed è un incisione chirurgica, viene effettuata sull'anello vulvare con anestesia per facilitare laa nascita del bambino/a ed evitare lacerazioni del pireneo.
Nella fase del secondamento l'ostetrica adotterà tutte le misure del caso per far si che gli annessi non restino nell'utero nemmeno in piccolissima parte perché genererebbero emoraggie e setticemie.

Il postpartum che segue la mamma è tenuta sottocontrollo, continuano piccole contrazioni che servono per fa ritornare l'utero alla sua normalità. La pancia sparisce o quasi.

 


Cura al neonato
Fasi:
. nei primissimi 30 secondi dalla nascita, il neonato è tenuto più basso rispetto alla mamma per far si che il sangue non refluisca verso la placenta. Vengono aspirate le secrezioni. Recisione del cordone ombelicale.
. punteggio APGAR (allegato in basso)
. pulizia del corpo
. profilassi congiuntivale con pomate antibiotiche per evitare l'infezione da Chlmydia
. somministrazione di vit. K di sintesi per evitare l'emoragia
. determinazione del peso con griglia Denver (allegato in basso)

 

La prima giornata il neonato è collocato in un ambiente con misura di sicurezza all'intervento immediato. Qui il personale controlla la temperatura cutanea, attività respiratoria, colorito della cute, emissione del meconio.


 

^_^

 

allegato

. punteggio APGAR è un controllo fatto al neonato ideato e praticato dall'anestetista statunitense Virginia Agpar nel 1952.
I controlli a cui vengono sottoposti i neonati servono per studiare l'adattamento del bambino/a alla vita extrauterina, tengono in considerazione la vitalità e il buon andamento delle funzioni vitali. I parametri su cui si basa il Punteggio di Agpar sono 5 e ad essi si assegna un voto da zero a due. Il risultato ottimale è 10

 

 

 

 

 

 

. griglia Denver
è un controllo in cui si tiene in considerazione peso e altezza del neonato che per un ottimo risultato deve corrispondere ai parametri della griglia.

 

 

 

 

 

I figli prendono non solo le caratteristiche dei genitori ma anche dei nonni talvolta degli avi.

 



 

Siamo fratelli e sorelle se non altro perché concepiti da un unico atomo creato dalla morte di una stella che Dio punto invisibile, ha plasmato, manipolato in un unica cellula, un opera d'arte sotto il cielo di tutti al ritmo delle onde del quieto e tempestoso mare.

Hedda Cacchioni

Mostra altro

Prevenzione Prenatale

2 Giugno 2017 Con tag #Articoli attinenti al Percorso Maieutica

 

 

Prevenzione Prenatale
a cura dello Studio E. C. online
http://www.eddacacchioni.it

 

 

 

 

Prevenzione Prenatale
La prevenzione all'inizio di una gravidanza fornisce indicazioni valutative alla coppia che può decidere in modo ''informato e consapevole''.
Un comportamento responsabile limita le problematiche che si potrebbero avere nel corso della gravidanze sia per la mamma che per il bimbo.
Il trofoblasto in quantità enzimatica è presente già nei primi giorni di ritardo mestruale ergo opportuno una ricerca nelle urine di gonadotropina corionica (HCG) in modo di evitare comportamenti dannosi per la gravidanza.

 

Comportamenti
Essendo la gravidanza un fenomeno fisiologico la donna può continuare con le sue buone abitudini. Con alcuni tipi di lavoro, sport, hobby e uscite. 


Alimentazione 
Seguire una dieta alimentare non ipercalorica ma ricca di vitamine e minerali. Non mangiare dolci in eccesso.
La futura mamma deve mangiare per se stessa il bimbo si nutre attraverso lei quindi nutrirsi con cura ma non mangiare per due.
Bere acqua.  


Esercizi fisici
La migliore disciplina  fino a termine di gravidanza è il nuoto. Ma anche camminare è salutare, fare della ginnastica dolce. Non si resti troppo sedute soprattutto senza cambiare posizione è preferibile del movimento.

 

 


L'igiene corona ogni comportamento, lavarsi di frequente le mani, lavare accuratamente il cibo, se si hanno animali, passare più spesso l'aspirapolvere. 
Senza eccessive limitazioni si esca si faccia all'amore ma sempre cautela per la salute di entrambi: mamma e figlio. Il papà sarà un dolce supporto per i momenti di stanchezza dovuti al cambiamento del corpo della donna. Il pancione che cresce è uno splendido confort per il figlio che nascerà, un giaciglio di mamma.


Evitare farmaci, radiazioni, droga. Smettere di fumare. Il medico saprà consigliare.


Controllo medico e analisi
Se non si è fatta Prevenzione Preconcezionale meglio farli tutti.
. gruppo sanguigno e fattore RH valuta il rischio di isoimmunizzazione per una successiva gravidanza, se per la donna è RH negativo e per il bmbino RH positivo.
. test di Coombs indiretto: per vedere la presenza di anticorpi anti-eritrociti, nel sangue materno. Nelle donne RH negative a rischio di immunizzazione il test  deve essere ripetuto ogni mese.
. emocromo completo con conteggio piastrine: emoglobina per verificare l'anemia; globuli rossi, globuli bianchi
. glicemia calcolare la quantità di zucchero nel sangue. Per vedere se sussiste un alterazione del metabolismo glucidico.
. TPHA test di verifica per la sifilide. 
. Toxo test per accertare la presenza nell'organismo di anticorpi antitoxoplasmosi. La toxoplsmosi è una malattia trasmessa dagli animali nell'essere umano, se presa in gravidanza può essere trasmessa al feto e danneggiarlo. 
. rubeo test serve per verificare la presenza di anticorpi antirosolia nel sangue. La vaccinazione va fatta molto tempo prima di una gavidanza (chiedere al medico)
. CMV test per la ricerca anticorpi anticitomegalovirus. 
. test HIV ricerca di anticorpi antivirus immunodeficienza acquisita.
. esame urine: esame chimico, fisico e microscopico delle urine
. urinocoltura: un esame colturale delle urine per la ricerca di germi che provocano infezioni urinarie.


Controlli periodici
- urine e sangue e pressione arteriosa
- controlli alla 28ma settimana E.C.G., coprocultura
- controlli alla 38ma settimana emocromo, fattori coagulazione.
- ecografia; eventualmente dosaggio HCG, HPL, ricerca anti-RH nella madre RH negativo

 

 

 

 

RIVOLGERSI SEMPRE AL MEDICO PER DUBBI LEGATI ALLA SALUTE ANCHE PER INFORMAZIONI APPARENTEMENTE DI POCA RILEVANZA.

 

Mostra altro

Prevenzione Preconcezionale

2 Giugno 2017 Con tag #Articoli attinenti al Percorso Maieutica

 

 

Prevenzione: preconcezionale
a cura dello Studio E. C. online
http://www.eddacacchioni.it

  

 


 

 

Prevenzione Preconcezionale
Quando si decide di avere un bébé è opportuno fare prevenzione, così pure ad ogni gravidanza successiva.
La prevenzione è di supporto per l'individualizzazione di problematiche relative al concepimento e alla gravidanza. I genitori attraverso un accurata anamnesi sanno dove intervenire con esami e verifica delle malattie famigliari ricevendo consigli da medici competenti.

 

Cosa viene chiesto alla donna
. anamnesi personale e famigliare
. malattie avute, trasfusioni di sangue, pressione arteriosa, dati ginecologici e ostetrici.
. accertamenti clinici e di laboratorio di cui alcuni ripetuti in gravidanza.

Accertamenti
- gruppo sanguigno e fattore RH
- esame sierologico per la sifilide
- test specifici per emoglobinopatie congenite
- esami per HIV
- esami del fruppo TORCH
- colposcopia, Pap-test
- cariotipo
- analisi del DNA
Se nell'indagine anamnestica  della coppia, risultano fattori di rischio, si richiederanno analisi mirate.

Consigli comportamentali
Se non sussistono significative motivazioni si può mantenere la vita di sempre, tuttavia è consigliabile un comportamento sano e uno stile di vita adeguato al desiderio di un concepimento  di una gravidanza di un figlio.
Evitare farmaci, gravidanze in età avanzata per anomalie cromosomiche nella donna e di mutazioni nell'uomo. 
Si evitino concepimenti tra consanguinei.
I portatori sani di malattie recessive non devono concepire.
I malati in genere, si curino, esiste la scelta.


 


 

RIVOLGERSI SEMPRE AL MEDICO PER DUBBI LEGATI ALLA SALUTE ANCHE PER INFORMAZIONI APPARENTEMENTE DI POCA RILEVANZA.

 

 

 

I sentimenti materni quando vanno oltre le membra stesse di parto possono definirsi perle di libertà incantatrice, amorevoli gioie di ringraziamento alla Natura.

Hedda Cacchioni

Mostra altro

Embrione. Feto

24 Maggio 2017 , Scritto da Con tag #Articoli attinenti al Percorso Maieutica

 

 

 

Embrione. Feto
a cura dello Studio E. C. online
http://www.eddacacchioni.it

 

 

 

 

 


Nell'articolo precedente si è parlato del concepimento tra ovulo cellula femminile e  spermatozoo cellula maschile in questo testo tratteremo come  un agglomerato di cellule si trasforma in embrione e poi feto.


L'embrione si annidia nel contempo la cavità amniotica lentamente lo circonda per iniziare a proteggerlo dall'ambiente esterno.
Intorno alle 10 settimane dal concepimento da quelli che erano i foglietti germinativi l'ectoderma, il mesoderma, l'endoderma si sviluppano gli organi e s'intravedono mani e piedi, l'organismo umano misura 3 cm e pesa 2/3 gr.
Il momento è delicatissimo, il futuro nascituro sta crescendo tuttavia non è ben protetto dalle membrane e dalla placenta in quanto ancora poco sviluppate. 

Alla 13ma settimana di gestazione embrionale gli organi dell'organismo umano incominciano ad avere una differenzazione e una maturazione morfo-funzionale.
L'embrione diventa: feto.
Il feto assomiglia sempre più ad un piccolo di essere umano. Lo scheletro è completo, gli abbozzi oculari sono coperti dalle palpebre, gli arti si muovono.
Le ghiandole a secrezione interna sono attive. 
A fine gravidanza il feto è lungo 50 cm circa e pesa tra 2.800/3.400 gr.



Oltre al bébé
Le strutture che permettono la crescita prima dell'embrione poi del feto sono gli annessi fetali quali:
a) placenta 
b) cordone ombelicale
c) liquido amniotico
d) corion
e) amnios
f) residui embrionali, rimasti nel cordone ombelicale durante lo sviluppo dell'embrione.



Placenta
La placenta è l'organo deputato alla crescita dell'organismo umano, collegata al feto dal cordone ombelicale nutrendolo attraverso la connessione mamma-figlio. Il cordone ombelicale nasce dal coron trofoblasto attaccato alla decidua, la parete uterina preparata per ricevere l'ovulo fecondato.
La placenta si forma il decimo giorno.

Funzioni placentari
1 Ha funzione di scambio metabolico per diffusione; trasporto attivo; pinocitosi.
2 Funzione endocrina e produzione degli ormoni proteici e steroidi quali estrogeni, progesterone, HCG, ormone lattogeno HPL 
3 Funzione di protezione per il passaggio di anticorpi IgG; di barriera nei confronti della maggior parte delle sostanze tossiche e dei germi patogeni.

La placenta a fine gravidanza ha un diametro di 20 cm con 2/4 cm di spessore, il peso di 450gr



Liquido amniotico 
Il liquido amniotico ha un volume di circa 500 a 1000 cc contiene 98% di acqua più albumina, sali, ormoni, urea, cellule fetali di sfaldamento.
Funge da protezione per il feto, evitandogli traumi ipotetici causati dall'ambiente esterni. Mantiene la temperatura costante.




Amnios
Si origina dalla cute dell'embrione, l'amnios è l'involucro che delimita la cavità amnistica, secerne e riassorbe continuamente il liquido amnistico, è aderente alle membrane esterne coriale.




Cordone ombelicale
Il cordone ombelicale è circondato dall'amnios contenente la gelatina di Warhon una sostanza connettivale.
Si hanno 2 arterie ombelicali che portano il sangue dal feto alla placenta mentre la vena ombelicale porta il sangue ossigenato e ricco di principi nutritivi, dalla placenta al feto.

Alla conclusione dei 9 mesi è lungo 50/60 cm con un diametro di 1/2 cm circa. 


 

 

Mostra altro

Concepimento naturale

12 Maggio 2017 Con tag #Articoli attinenti al Percorso Maieutica

 

 

Concepimento naturale
a cura dello Studio E. C. online
www.eddacacchioni.it

 


Il concepimento di  un essere vivente è il risultato di una linearità combacianti di eventi. L'uomo e la donna sono in perfetta armonia energetica e fisica, se è l'amore a coronare questo momento si sfiora l'estasi, alterato stato di coscienza.


Tappe dell'incontro liquido seminale/ovulo
1) Il liquido seminale corrispondente a 200-300 milioni di spermatozoi, viene depositato in vagina.

2) Gli spermatozoii salgono dalla vagina verso l'utero attraverso il canale cervicale, qui trovano il liquido prodotto dal collo dell'utero ed alcuni spermatozoi vi sostano in attesa di un successivo intervento, gli altri vanno verso l' incontro con l'ovocita, cioè la cellula uovo espulsa dallo scoppio del follicolo che aspirato dalle tube inizia il percorso muovendosi grazie alla zona pellucida e alla corona radiata.

Tempo speso: alcune ore

Nonostante la numerosità degli spermatozoi solo uno penetra l'ovocito.
L'uovo al penetramento dello spermatozoo reagisce formando un guscio, le cellule della corona radiata abbandonano l'ovulo.

3) Lo spermatozoo ha vita per alcuni giorni

4) L'ovocita ha la possibilità di essere fecondato entro 24h

Il processo di fecondazione è iniziato

 

 

Processo di fecondazione 
Attraverso l'incontro dei nuclei maschili e femminili si costituisce il patrimonio genetico di una persona chiamata in questo specifico momento: zigote

Le tante cellule riunite (blastomeri) formano la  morula

6) L'ovulo con l'azione unisona delle ciglia della mucosa e contrazioni delle tunica muscolare della tube di Falloppio migra verso la cavità uterina.

L'uovo, divenuto blastocisti, si appoggia alla mucosa precedentemente preparata dalle secrezioni progestiniche diventando parte di essa, si annida.
L'impianto avviene 5 giorni dopo l'incontro fecondante.
L'endometrio è stato preparato dall'ormone Progesterone prodotto dal follicolo dopo l'ovulazione, il corpo luteo (ghiandola endocrina produce progesterone e estrogeni)

L'ormone Beta HCG prodotto dall'embrione fornisce il supporto al corpo luteo per crescere.

 

 


Embrione
Con l'annidiamento si ha il disco embrionario formato da 3 foglietti germinativi dai quali si svilupperanno gli organi.
L'embrione si svilupperà nella cavità amniotica nell'arco di 9 mesi.

 

(segue)

Concepimento naturale

In senso generale fare il genitore non è difficile la gente complica i rapporti umani perché assoggettata da sempre dal potere e dall'inimicizia

Hedda Cacchioni

Mostra altro
1 2 > >>